In Siria Bannon l’influencer e Trump il wrestlemaniac ce la fanno sotto il naso?

Donald-Trump-Steve-Bannon-Stephen-K-Bannon-White-House-Jan-2017-Swearing-in-Getty-

La propaganda di guerra, un’antica e valida arma di offesa. Quasimodo e l’uomo del suo tempo.

Dalla poesia alla pratica: gli attacchi chimici di Assad e la risposta telefonata degli USA.

Una rondine non fa primavera, in specie se di plastica: Bannon maestro d’illusioni alla corte di Trump.

La rete internazionale antiamericana, media in prima fila, ingabbiata nella sua stessa gabbia. Nell’attesa di vere azioni contro Nord Corea (e quindi Iran).

I cazzottoni simulati del Wrestling, che fanno impazzire la gente e forse le nazioni.

Dulcis in fundo, quel video che vale da solo la fatica di leggere l’Abate…

Uno dei più gravi errori della seconda metà ‘900 è stato immaginare un mondo completamente nuovo, irrevocabilmente rivolto al superamento di ogni limite, non solo tecnologico, ma addirittura antropologico. Come se di colpo la voce di migliaia di grandi pensatori – che da secoli presentavano assai ardua l’elevazione del singolo individuo, figuriamoci quella di comunità, stati e loro apparati – fosse divenuta solo l’eco di un passato lontanissimo. Eppure Salvatore Quasimodo ci ammoniva, ancora nel 1947…

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.

Continua a leggere

Annunci

Lìnguine alla Trump: Theleme celebra in cucina l’inauguration day

img_20170122_150511_editDonald Trump si insedia infine alla Casa Bianca.

Dallo Scappi all’Abate, un grande piatto per un grande evento: L’anagogia culinaria.

Ecco a voi la ricetta geopolitica che fa già impazzire la destra globale: grab them by lìnguine!

english version here

Al di là di ogni analisi contraria altrui, avevamo previsto la netta vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali dell’otto Novembre 2016 – che possiamo apprezzare nella sua pienezza visualizzando la mappa degli States suddivisa per contee e prevalenza politica (la trovate dopo la ricetta). Ed il 20 Gennaio 2017 il miliardario americano più discusso di tutti i tempi s’è finalmente accomodato alla Casa Bianca, sloggiando Barack Obama. Sarebbe interessante riflettere sul discorso inaugurale, alquanto simile a quelli elettorali, da lui tenuti in ogni angolo del paese prima delle elezioni. E forse ancor più analizzare le  reazioni scomposte, in specie italiane, a tale esempio di coerenza, del tutto inusitata in una nazione come la nostra. Che non solo mette in conto ma esige da un politico la smaccata presa per i fondelli del suo elettore. Intitolato, quest’ultimo, a chieder al suo rappresentante denaro, lavoro, finanziamenti, favori, baci e abbracci… ma mai conto di ciò che dice o fa.  Continua a leggere

Quando il giornalismo non è propaganda: “L’assedio di Berlino” di Stefano Cingolani

L’assedio di Berlino, pubblicato su Il Foglio

La geopolitica, questa sconosciuta. Nell’Italia provinciale.

Il pezzo che leggerete a seguire è di una delle firme più prestigiose del giornalismo italiano. E non prestigiose per ragioni di notorietà mediatica, ormai più che agevole a realizzarsi (se “vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole… e più non dimandar“). Anzi. Infatti non gode della fama di un Vespa, di un Lerner, di uno Zucconi. O, per restare nel settore della carta stampata, di uno Stella.

China-Germany-USA-flagsCerto, si occupa in genere di un argomento che il lettore italiano è storicamente poco preparato ad affrontare. Ovvero del resto del mondo. Un po’ perché l’Italia unita, a differenza degli stati preunitari, fu assai brevemente potenza coloniale e certo non ebbe respiro globale. Un po’ perché il regime clericalfascista, ma più spesso cattocomunista – che ci governa costantemente dal dopoguerra – non ha piacere che i cittadini si intendano di cose “più grandi di loro” e possano far raffronti. O persino avere metri utilizzabili per giudicare delle scelte globali dei loro “potentati” (autentica lesa maestà). Solo talvolta, e sempre a fini di piccole beghe interne, lo scenario internazionale appare alla ribalta, ma in forme del tutto ripiegate sulle esigenze della politica interna, narrazione operata da una pletora di media compiacenti, sempre fedeli al potere e mai al lettore.
Ad esempio, alzi la mano chi ha capito che ogni azione rivolta alla stipulazione di accordi stringenti sulla distribuzione dei cosiddetti “migranti” (fittizio cavallo di battaglia del governo Renzi) è completamente fallita. Non potendo essere altrimenti in un contesto europeo che su moltissimi campi sensibili decide solo all’unanimità. Politiche di immigrazione incluse. Ma tutti rammenterete le (tragiche) foto del bimbo annegato in mare, che Premier e tutti i media ci hanno mostrato. A loro detta, patente dimostrazione dell’abiezione della Comunità Europea, che andrebbe superata consentendo, anzi promuovendo, i flussi migratori da ogni paese meno fortunato. Come se lo scopo degli Stati fosse mai stato la carità o la beatificazione. E come se il 90% delle nazioni del pianeta non vivesse questa condizione.

Tornando a noi, Cingolani fa invece il lavoro del giornalista e non del propagandista. Ovvero aggiorna su quel che accade, tentando di districare maglie assai fitte e trame assai lasche, senza violentare le fonti e senza applicare teoremi precostituiti. Fornendo dati, nomi, cifre, deduzioni a sostegno del suo dire. Non slogan. Questo è il giornalismo che Theleme apprezza. Perché per suo tramite si può sviluppare un giudizio indipendente, senza esser dissennato, sulle tante forze in campo e sulle linee tendenziali di sviluppo: politiche, militari, finanziarie, economiche, sociali. Per poter essere cittadini consapevoli, almeno in parte, di questa Babele infinita che è il nuovo millennio.

Buona lettura.

P.s. In calce alla pagina online de ‘Il Foglio’ compare un mio breve commento nel merito.

strapagate

La batosta alla Volkswagen, le mazzate alla Deutsche Bank, i contrasti su Putin fino alle gelosie turche. Perché l’America non ne perdona più una alla Germania

View original post 2.209 altre parole

L’ Aporia non è solo una farfalla: ancora una volta la Grecia è l’unica a sapersi descrivere

Un memorandum dei punti in gioco

Una vera aporia? L’unica chance… in cui poco crediamo.

Nei post precedenti dedicati alla crisi greco-comunitaria

abbiamo provato a delineare la condizione dei due contendenti, sottolineando quelli che ci paiono punti salienti del problema.
Adesso che il dunque è vicinissimo, pare cosa utile enuclearli sotto forma di breve elenco per punti. Se non altro a storica memoria, capace di contrapporsi, nel suo piccolo, allo sciaguratissimo tam tam di regime, sciorinato dai media nazionali:

Continua a leggere

Krisis, Hybris, Demagogia, Catarsi, Proskýnesis: Grecia interprete tragica di sè stessa. Per il bene d’Europa

La Krisis del greco Ippocrate, il momento di passaggio…

Dalla Grecia di allora a quella di oggi, la sorpresa del “no” (almeno per noi e Claudio Velardi):  hybris ellenica.

Il populismo tardocomunista schiacciato fra l’ideologia, le promesse e la fame: I greci ci ammoniscono da loro stessi.

Perché non si tratteranno nuove concessioni… la vittoria di Pirro ed un percorso obbligato.

giuramento_ippocrateKrisis

La parola “krisis” viene dalla radice che indica giudizio, capacità di distinzione, capacità di scegliere. Vicina al verbo krino, “giudicare”, ma anche a kritèrion, “norma di giudizio” ed a kritikòs, “capace di distinguere”. L’uso iniziale del lemma fu medico… proprio il greco Ippocrate, padre della medicina occidentale, se ne servì sistematicamente per indicare il momento di mutamento nella vicenda clinica del paziente, da cui in poi o si migliora rapidamente o si peggiora altrettanto rapidamente.

Vedete quanto dobbiamo al mondo greco di 3000 anni fa? E’ difficile anche immaginarlo. Nonostante tantissime generazioni si siano succedute da allora (ed il sangue immortale di Solone, Ipparco, Aristotele, Eraclito si sia via via disciolto in quello mortalissimo di Tsipras, Varoufakis, Papandreu, Kammenos), a Theleme crediamo che la “crisi” secondo l’intuizione semantica Ippocratica si attagli perfettamente al percorso “terapeutico” europeo, guardacaso pervenuto al suo momento “topico” proprio ad Atene. Un momento in cui la UE “o si ammazza o si ingrassa”, come la tradizione popolare dell’altra Grecia, quella Magna, tramanda da secoli. Continua a leggere

La Divina Provvidenza “reificata”: da Profiti a Kabila a Putin. Ma Giuda non finisce bene…

“La Divina Provvidenza” #cambiaverso e si “reifica”: Da Azzollini al Papa, passando per 30 milioni curiali. Che ci ricordano il catechismo…

La congregazione dei figli dell’Immacolata (per alcuni figli di ben altri lombi) e il Congo. Un Papa finisce nominato nelle indagini: quella Puglia letale.

Il Palantir s’è rotto del tutto, ci mostra Avignone… intanto cercasi il Giuda.

capitolo figli immacolata

I “figli dell’Immacolata Concezione”, che umiltà (apparente).

La Divina Provvidenza per noi ex liceali italiani è stata sempre quella di Fra’ Galdino, Fra Cristoforo, l’Innominato e Lucia Mondella. Manzoni ce l’aveva dipinta bene, un mix calibrato di fatalismo e “aiutati che Dio t’aiuta”, in barba sia a Giansenio che ai Francescani. Un compromesso ante litteram fra liberalismo e socialismo escatologico, come l’avremmo ritrovato secoli dopo nella Costituzione repubblicana.

Ma in questa Italia di Matteo Renzi davvero tutto cambia verso: anche la Divina Provvidenza non è più la stessa… si è, per così dire, reificata. Sia nel senso di essersi incarnata (malamente) in un centro ospedaliero, sia nel senso di aver prodotto “rei” (o supposti tali), penalmente parlando. E ha trascinato addirittura il Santo Padre in un’inchiesta delle procure pugliesi. Ma accidenti quanti guai da questa Puglia, Tarantini e la D’Addario, Vendola e ILVA, Berlusconi, Azzollini, i cardinali e ora il Papa…

Alcuni dettagli li avevamo già affrontati, seppur di sguincio, evidenziando come fossero segni di crisi irreversibile del potere, clericale in generale e del Governo Renzi nello specifico: L’ospedale, il debito, il presidente centrista della Commissione Bilancio, Suor Marcella… ma oggi ne arrivano altri. Ancora più gustosi e finanche messianici. Continua a leggere

Russia e Cina, strette fra vecchi patti e nuovi pericoli: Traduzione dal “The Economist”

I blocchi contrapposti di cui pochissimo si parla, in specie nella buonista Italia.

Flotte contro flotte. La durezza dello scontro in atto spinge Mosca e Pechino ad un abbraccio assai instabile. Non dimentichiamo Michele Strogoff.

Un traduzione necessaria, dal “The Economist”

risiko1

Autentica partita di Risiko. Uno dei riti maggiori di Theleme.

Dalla caduta del muro di Berlino in poi, il binomio USA-UK ha in qualche modo governato il mondo in solitaria. Non sempre le posizioni dei due paesi anglosassoni hanno trovato la quadra, e dietro tale ambivalenza si nascondono fra i più feroci segreti degli ultimi 20 anni. Purtuttavia l’implosione della Russia sovietica, quale grande antagonista globale, ha reso il mondo unipolare.

Come per ogni cosa nell’Universo, però, tale condizione non si è rivelata affatto stabile, anzi è degradata anche più rapidamente di altre condizioni, magari diarchiche, verso un caos sempre più palese.

Secondo ciò che accade in ogni partita di Risiko che si rispetti (gioco da tavolo fondamentale nell’educazione dei ragazzi, come degli adulti, perché consente di vivere in prima persona i nudi meccanismi dell’egemonia, della politica di potenza, delle alleanze e via dicendo), non appena al “tavolo” si è affacciato un chiaro vincitore tutte le potenze, ormai regionali, si sono coalizzate a vari livelli per contenerne lo strapotere economico, tecnologico, militare. Persino le più prossime, all’apparenza.

Agli Stati Uniti e vari vassalli si sono contrapposti, progressivamente, soprattutto 3 giganti asiatici (e loro satelliti). Uniti da un patto ormai ventennale, parzialmente segreto. L’argomento, cruciale, andrebbe assai approfondito. Ma toccherà farlo in altro contesto: quel che occorre ricordare subito è che non il male e il bene si confrontano, ma due o più volontà di potenza… sta a noi ipotizzare quale preferiamo, dal punto di vista pragmatico più che ideologico. Liberi restando, naturalmente, di ipotizzare e lottare per un mondo migliore.

L’esasperazione dei conflitti, in buona parte proposti sull’antica rivalità sunnita – sciita, di cui non a caso ci siamo occupati in dettaglio la settimana scorsa, accelera verso possibili punti di non ritorno. Citerei, per fermarmi all’oggi, l’episodio della nave turca bombardata dal “governo” libico di Tobruk.

Tale esasperazione, di cui le sanzioni alla Russia sono parte non trascurabile, non può far altro che rinsaldare le alleanze interne ai blocchi, per controbilanciare meglio la pressione avversaria. Esempio pratico, alla squadriglia mista russo-cinese di cui leggerete nella traduzione fa da contraltare, guardacaso non troppo lontano, una flotta mista anglo-francese. Continua a leggere