PD, Primarie 2017: dall’urna elettorale a quella cineraria

xPartitoDefuntoInteresse azzerato per l’esito scontato di queste primarie: il quaquaraqua ed i suoi sfidanti platonici. Si, gli piace vincere facile.

Quando il giornalismo non serve a nulla: L’autoscoop colossale viaggiava su twitter, ma nessun media ve lo dirà.

Scatti che parlano da soli: quei ‘giovani’ votati dai vecchi.

Cronaca visiva di una morte annunciata: PD, Partito Defunto.

Il senso del PD per il migrante, il senso del migrante per il PD.

E buon Primo Maggio!

Post Scriptum, importante. P.P.S. anche di più. 

Le primarie del PD si sono rivelate proprio come ce le si poteva immaginare. Scialbe figure contrapposte, due delle quali sprovviste di qualsiasi radicamento nazionale, anche solo nell’immaginario. E quindi fuori gara sin dall’inizio. Orlando ed Emiliano han fatto da sparring partner al Quaquaraqua (come e perché su questo sito lo si possa nominare solo in tal modo è giustificato apoditticamente nel post che qui trovate linkato). In specie il primo, perchè il Governatore della Puglia ha in realtà qualche velleità nazionale di sinistra ‘emotiva’, probabilmente intrecciata a quella di De Magistris, Civati, Vendola, Mussi, Pisapia… sino all’ambientalismo post comunista di Bonelli. Se qualcuno vuole cercarne le tracce più evidenti, segua la campagna elettorale della sventuratissima Taranto. Ma poco, pochissimo interessa, dicevamo. A chi? Ma agli italiani under 70… a breve potremo costatarlo. Il vincitore non c’è bisogno di farselo proclamare, è il Quaquaraquà. Si, gli piace vincere facile, come da bimbi quando la prozia ci faceva far manbassa ad asso pigliatutto. Poi arrivava il cuginetto più grande e non si prendeva una carta…

Quel che vedrete a seguire non lo troverete sui media, che sono lì per imbonire, non per documentare nè per riflettere… [pensate che nessuno si è mai chiesto, per anni, come dei nullatenenti migranti potessero pagarsi la sopravvivenza ed il viaggio, dal Ghana alle bagnarole degli scafisti, giungendo sino ad ipotizzare improbabilissime ‘vendite di organi’…  voi direte… ma perchè ci parla di migranti, che confusione… lo scoprirete alla fine del breve testo]. Eppure, proprio perchè non ripreso dai media, quel che segue si presenta come verità cristallina. Quale migliore autore di uno scoop se non il soggetto – ignaro – che ne patisce le conseguenze?? E’ stato infatti lo stesso PD, in buona, anzi buonissima fede, a fornirci tutti gli elementi per una scoperta decisiva: Il Quaquaraquà ha 42 anni; Il guardasigilli Orlando ne ha 48; Emiliano, il più ageè, ne ha 57. Bene, i loro elettori ne hanno oggi settanta ma spesso ben di più.

emo pd

Candidati ‘giovani’ per elettori vecchi…

Continua a leggere

Annunci

Donald Trump versus Hillary Clinton: analisi accurata del voto possibile (I)

moore-trump

Michael Moore e Donald Trump

La disinformazione in Italia colpisce sempre più duramente. Dalla propaganda alla menzogna bella e buona.

I sondaggi americani dicono tutto ed il contrario di tutto: alla ricerca di qualche criterio di orientamento.

In primis le primarie. Ecco come andarono: #NeverHillary

Gli elettori invisibili della Clinton. Pochi agli incontri, pochi sulla rete.

Nella seconda parte:

Che accade su internet. Twitter, un semplice confronto. 

Quelle inchieste che fanno milioni di spettatori su youtube.

La censura di wikileaks sui media ufficiali volge al termine. Potenza della rete o inseguimento della realtà? 

Il formidabile argomento ‘toccata di culo sessista’ varrà davvero l’elezione del Presidente? 

I media nostrani si sono fatti un punto d’onore nel rappresentare ed analizzare faziosamente le prossime elezioni americane, con contenuti che vanno dall’aperta propaganda alla banale menzogna. La lista sarebbe lunghissima, ma sceglierei come esempio per tutti l’alterazione della demografia statunitense scelta come ‘arma partigiana’ dal sedicente sito di informazione ‘Lettera 99’, che prova a piegare il mondo alle ossessioni del progressismo. Notoriamente, infatti, gli USA sono composti da un 77% di ‘bianchi'(scorporando la componente latina, proveniente dal Sudamerica, scendiamo al 63%). Al 99% detta popolazione è genericamente di matrice cristiana. Ovvero cattolica, protestante (luterani, calvinisti, evangelici, testimoni di Geova etc.), mormona. Ma anche escludendo i bizzarri mormoni – circa 6 milioni negli USA – le cifre rimangono quelle che leggete, gli islamici restando un’assai piccola minoranza. Potete agevolmente rintracciare sulla rete quello che avete appena letto. Gli atei rappresentano il 3% della popolazione, con un 5% di agnostici. Anche fossero gli atei/agnostici americani tutti ‘bianchi’, avendo già eliminato latinos e mormoni, la componente ‘bianca’ resta di gran lunga maggioranza. Il livello di credibilità dell’informazione nel nostro paese è ormai questo. Ovvero nullo. Continua a leggere