Terza e (speriamo) ultima puntata del “giallo” Giardiello. “Lo stratagemma funziona”, eccome

Torniamo in tribunale, i media (e non solo) insistono coi “gialli”.

Giardiello, l’agente immobiliare che ne sapeva più di James Bond.

Italia Italia delle mie brame, chi è il più fariseo del reame?

giornale giardielloAlla drammatica storia di Giardiello, l’immobiliarista di Arcore protagonista della sparatoria nel tribunale di Milano, abbiamo dedicato ben 2 post. Non incentrati sulla vicenda umana e giudiziaria, in cui si era trovato come parte avversa persino il suo avvocato e un magistrato, ambedue periti sotto i colpi di pistola. Ma soprattutto sul modo in cui i media italiani presentavano il fatto – oggettivo – del Giardiello che aveva introdotto un’arma carica dentro le aule, all’apparenza senza alcun problema.

Una serie di bizzarie, iniziata col collegare quegli omicidi a ben altro caso giudiziario, relativo ad Eutelia-Agile. E proseguita diffondendo – di certo imbeccati – una serie di illazioni in base a cui l’immobiliarista avrebbe approfittato di “tesserini falsi da avvocato” o di accessi secondari o di chissà quale misteriosa diavoleria. Continua a leggere

Annunci

La caccia al “tesserino fantasma” … prosegue la tragicommedia dei media di regime

giornale giardielloO la realtà s’accorda alla notizia o non è realtà: “Il Giornale” fa da prova del nove. Ma non dimentichiamo che “The revolution will not be televised… the revolution will be loud”, G. Scott Heron

Avevamo già ieri focalizzato l’attenzione sulla sanguinosa sparatoria nel Tribunale di Milano, allo scopo di mostrare tutta la pochezza dei media italiani, da un lato incapaci del minimo fact checking rispetto alle fonti, dall’altro pronti, anzi determinati, a piegare la realtà, qualunque essa fosse, alla notizia preimpostata, ovvero all’informazione professionalmente tranquillizzante, cara ai regimi di ogni epoca.

La verità, a tutti nota, dell’assenza assoluta di qualsivoglia controllo all’ingresso della quasi totalità dei tribunali italiani, della faciloneria con cui ormai in Italia si assolve a ogni compito, ribadita con assoluta evidenza proprio in seguito ai fatti di ieri, non poteva assolutamente esser accettata! Compito dei media (di regime) essendo quello di celarla, non di mostrarla. Un compito arduo, in questo caso di smoking gun tutt’altro che metaforica. Continua a leggere