la Cina cala il suo asso: Kim di Corea. Ma Trump è di casa a Las Vegas…

kim-jong-un-playing-card

Kim Jong – Un, il (semi)nuovo spauracchio. Come è giunto là dove è.

Perchè fa più paura di Saddam e di Gheddafi. Gli ‘errori’ dei Clinton.

L’asse internazionale antiamericano.

Che vuole da noi, Kim? Cerchiamo la risposta, non scontata, fra i suoi amici, nemici e neutrali.

Il bandolo della Matassa. Il colosso d’argilla ha fifa di Trump?

Lo scenario bellico. Mors tua, vita mea. L’illusione positivista.

L’Occidente si ricompatta, ora l’analisi è completa: i finali possibili.

Kim Jong – Un è figlio d’arte, discendente di una genia di dittatori come solo l’oriente ha saputo regalare al mondo. Si trova ancora dove è a causa della seclusività assoluta della Corea del Nord, certo. Ma soprattutto per una concatenazione favorevole di dinamiche geopolitiche originatesi fra la decolonializzazione e la guerra fredda.

La geopolitica che partorì  Kim

Il celebre nonno è stato uno dei tanti arruolati nella ‘legione straniera’ dell’allora impero sovietico, adeguatamente ideologizzato e messo a capo di una forza locale comunista il cui scopo era impadronirsi della Corea, dopo la sconfitta giapponese. Come in ogni altro luogo del pianeta, la cosa riuscì a metà. Infatti gli USA reagirono, vi fu una guerra e la penisola coreana rimase da allora spaccata in due Stati distinti. La non belligeranza deriva da un armistizio firmato nel 1953, cui mai fece seguito il trattato di pace. Da allora, il piccolo stato è stato giocato da Russia e Cina l’una contro l’altra, insieme contro gli USA o contro il Giappone e via discorrendo. E’ interessante notare come anche stati arcinemici abbiano in realtà concorso alla sopravvivenza della dinastia. Per fare un esempio, Tokio, se da un lato ha subito dalla Corea del Nord ogni possibile atto terroristico – dai rapimenti e sequestri di suoi cittadini a missili ad un palmo dal naso… e quindi non possa non vedere in esso una grande minaccia – dall’altro non ha mai davvero spinto per la sua dissoluzione, perchè timoroso le seguisse la riunificazione delle due coree. Tale da creare uno stato molto più vasto, forte e storicamente avverso agli interessi del Sol Levante. Alla Corea del Sud, se vogliamo essere onesti, non è stato peraltro consentito di intraprendere davvero un percorso di riunione. USA e Giappone hanno tramato lungamente per impedirlo. La cosa è palese, se si considerano alcuni eventi elettorali e politici, anche tragici, della storia recente. Continua a leggere

Annunci

L’India diventa ultima grande speranza dell’Occidente – Commento e reblog

INDIAInteressante, come d’abitudine, questo post di Sgroi.
Che si occupa del subcontinente indiano.
Sono persuaso anche io, per una serie di ragioni strettamente intrecciate fra loro, che sia in effetti l’India una delle vere speranze del mondo, se non l’unica.
Oltre ad essere indiscutibilmente “madre patria ancestrale” di tutti gli occidentali, non fosse altro che linguisticamente (ma  la semiologia del XX secolo non ha fatto altro che dimostrare come facoltà intellettive, simboli e linguaggio si condizionino reciprocamente) e filosoficamente (è quasi noia rammentare Eraclito, Pitagora e Platone), essa è pure la più grande “democrazia” del pianeta.
Le virgolette sono d’obbligo, ma temo dovremmo usarle anche quando parliamo del nostro paese, singolarmente affine… ma sarebbe lungo qui dire esattamente perché.

Nonostante in India convivano pratiche risalenti all’età della pietra (quasi) con la missilistica futuribile e i “paria dei paria” con i più grandi scacchisti, o forse proprio a causa delle dinamiche innescate da un miscuglio così drammatico eppur fertile, i numeri del post a seguire ne confermano le prospettive dal punto di vista economico, più che positive.
Per qualunque occidentale abbia visitato sia India che Cina, infine – nonostante la prospettiva sia certamente parzialmente viziata in origine dalla somiglianza, nel primo caso, e dalla diversità nel secondo (quei famosi “muri di idee” di cui parlava il grande Fosco Maraini in “Paropapomiso”, costruiti dalla geografia che diviene genetica che diviene cultura, o viceversa) – appare evidente come la crescita cinese si fondi su di uno sviluppo “pilotato” dall’alto, all’apparenza più ordinato e continuo di quello indiano, ma in realtà ben poco diffuso e sentito, se non nelle sue conquiste materiali studiatamente riservate a pochi, quali storicamente e tipicamente la conoscenza stessa della lingua scritta.

Non ultima la notazione di carattere geopolitico per cui Delhi, dopo decenni di ostilità più o meno aperta, è finita per allearsi con Washington, in modo affidabile. Specialmente dopo l’indebolimento di Mosca, l’abbandono americano del Pakistan e la pressione del vicino cinese, assai aumentata. Lo spostamento di questa importantissima “torre”, per restare negli scacchi, – sul punto di acquistare top tecnologia aerea (Rafale) dai francesi -ha avuto conseguenze rilevantissime. Sempre da rammentare è il suo far parte del Commonwealth degli odiati/amati ex padroni inglesi.

Buona lettura.

The Walking Debt

La frana dei Brics, stremati dalla fragilità del loro successo, ha lasciato sul campo una pletora di illusioni perdute per l’Occidente che con troppa facilità, all’inizio del secolo, aveva contato sulla forza di queste economie.

Si pensava, e in qualche modo si pensa tuttora, che la fame di queste immense popolazioni avrebbe compensato la nostra sazietà, e che i loro sistemi produttivi, assai più economici dei nostri, avrebbero condotto al miracolo di costi di produzioni decrescenti a fronte di una domanda globale resa gagliarda dall’aumento dei loro redditi.

Tale utopia è stata nutrita, prima della crisi, da poderosi investimenti diretti esteri in queste località che, dopo la crisi, sono diventati investimenti di portafoglio e credito bancario, guidati da una cieca fame di rendimento, che ha finito con trasformare questi paesi in depositi di debiti.

Ora che i timori sulla fragilità di una ripresa che si…

View original post 698 altre parole

Roma, i Rom e gli italiani: storia e cronaca del blaterar sciocchezze per aumentare i guai

Chi sono i Rom, dove vanno e da dove vengono, come è la loro società? Qualche mistero (in parte) svelato. Conoscere per deliberare.

Il problema secolare di un popolo seminomade in mezzo agli stanziali. I valori nomadici. La lingua Romanì non si scrive. Le caste e l’India.

L’ignoranza assoluta degli italiani, le orecchie da mercante del pensiero debole: noi gaggi, loro zingari.

Impostare le possibili soluzioni di un problema oggettivo, scongiurando l’evocazione di Hitler e Stalin.

Rom di Romania, inizio secolo

Rom di Romania, inizi del ‘900

Prima di iniziare a trattare di una questione così spinosa, che porta inevitabilmente con sé i fantasmi spaventosi del Novecento appena trascorso, è necessaria una precisazione: l’intento non è quello di rinfocolare odi secolari né di attribuire alla presenza dei Rom un peso maggiore di quel che ha. Addirittura demenziali, se non criminali, paiono i tentativi mediatici di seppellire ben altre emergenze sotto la cortina dell’emergenza nomade. Nel paese della mafia di Stato sarebbe indegno ergersi a giudici esemplari. Ma altrettanto la negazione della specificità della questione, peraltro arcinota ed in re ipsa, non può far altro se non esasperare gli animi e spingere, paradossalmente, proprio verso quell’intolleranza che annebbia la ragione, da cui tanto cieco “buonismo” vorrebbe, miopemente, tenerci lontani. Per affrontare la specificità è necessario sapere di essa… ed è superfluo dire come in Italia, che pure tanti ne ospita, non esista affatto una consapevolezza in merito. Anzi, quella che un tempo si possedeva è andata persa, affogata nelle demenziali trasmissioni televisive, come pure nel web, in cui il dibattito è quasi sempre del tutto privo di nozioni adeguate e sempre privo di esperienze dirette, che possano dare almeno una chiave di lettura parziale. A Théléme abbiamo un po’ dell’una ed un po’ dell’altra.

Prima di risentirvi per tanta sicumera, suggerirei un’attenta lettura di quanto segue: lungi dal voler essere una descrizione e interpretazione esaustiva della cultura Rom, l’intento è quello di riportare il dibattito alle sue basi reali, tanto librarie quanto esperienziali. Continua a leggere