Chi minchia sono?

desert abate L’Abate di Thélème è venuto al mondo nell’annata eccezionale 197x.
Bamboccione di gran croce, è storico riferimento per chi proprio rifiuta tutti gli altri. Sprovvisto di senso del dovere, offre lauti compensi a chi ne abbia da vendere, non superiori però alla quotazione della miglior ganja.
Suo sogno ricorrente è quello di vedere i coetanei abbandonare il tentativo anacronistico ed impossibile di rivivere la vita dei genitori, piegandosi ad infiniti compromessi per poter mangiare una pizza il sabato sera e poi scappare di corsa tra le mura del mutuo. E nulla più, che Mamma chiesa e Papà stato hanno già dato tutto. E non a noi. Invece abbracciando, all together, l’affascinante ed ineludibile scommessa di un mondo che cambia a tutta velocità e non farà prigionieri.
Grande viaggiatore, impermeabile alla  δόξα e carpocraziano, si propone di spezzare una o più lance contro lo strapotere partitocratico, l’arroganza dei poteri forti, il familismo amorale, la frigidezza del calcolo, la mentalità assistenziale a fini di mercanteggiamento elettorale, l’ipocrisia dei colletti bianchi che da più di un cinquantennio tengono la comunità locale in servaggio, ignoranza e bisogno, conscio però che solo da una presa di coscienza collettiva e non da singoli sforzi, per quanto generosi ed efficaci, possa venire il cambiamento desiderato, in fondo, da tutti.
Ovviamente è altrettanto conscio che non riuscirà affatto nell’impresa, ma non perciò rinuncia a circondarsi dei suoi thelemiti, fedeli d’amore.

Accumula da anni materiali destinati ad un’opera rivoluzionaria ed esoterica su quella storia arabo-normanna di cui ogni meridionale dovrebbe imparare a fregiarsi con maggior consapevolezza ed orgoglio, nonché serie di recensioni sulla gastronomia del sud, in attesa di adeguato destino. E tanto altro, che meno qui importa.

Attivo in specie nelle ore notturne, si pasce di spassi col volgo e con l’inclito. Suole spesso affermare, sulla scorta d’un diletto avo, che “I preti e le donne quando non comandano dicono d’essere oppressi”.

Vive grazie all’ironia e va a cena con chiunque.

Precedente sede internetica, infine censurata:

http://corporeuscorpora.blogspot.it/

Annunci

11 commenti su “Chi minchia sono?

  1. Lorenzo ha detto:

    Interessante!

    Piace a 1 persona

  2. stefano ha detto:

    La risposta su chi tu sia è pleonastica…..

    Mi piace

  3. Stefano ha detto:

    Abate, il mio nus animale, anche in virtù dei miei studi (Università della Strada), ha or ora iniziato a svelarmi chi sei. Ti troverò.

    Mi piace

  4. narrabondo ha detto:

    Insomma sei uno stronzo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...