Tabacci & Bonino (ma pure Grasso, Emiliano, Renzi, Baccini..) visti da Peppe

peppe burocrazia

Peppe è un uomo straordinario. Semplice per definizione, è in realtà il prodotto più sofisticato d’una riforma della Pubblica Amministrazione di cui è, essenzialmente, l’unico beneficiario noto. Al quale istituzioni e media danno lo spazio che merita: come l’echidna, o forse l’unicorno, è il primo e l’ultimo della sua famiglia, a cavallo fra etologia e mitografia. Peppe ha tali capacità adattive da ottenere un miglioramento della qualità della vita attraverso il rapporto continuativo con la Pubblica Amministrazione. Al modo di quei microorganismi anaerobi che vivono nelle più profonde grotte sotterranee, nutrendosi di ciò che uccide ogni altra forma di vita. 

Questa sua eccezionalità non poteva esser tralasciata, nelle giornate eccezionali in cui i Presidenti delle Camere fondano nuovi partiti – mentre sono in carica – e chi (già, chi??) vorrà votare i sopravvissuti radicali della Bonino non avrà altra chance che mettere la croce sul simbolo del democristianissimo Tabacci… il quale finisce per essere la replica partitocratica di quei monaci di terracotta che, concepiti da secolare fantasia goliardica, grazie ad apposita levetta o pressione potevano in un baleno sollevare la tunica, mostrando la carica libertaria e libertina sino a quel momento occultata.

merry monk

Ed è per questo che Theleme ha intervistato Peppe. I risultati ci paiono illuminanti.

Peppe, lei è l’uomo semplice per eccellenza…

E so’ semplice sì, aho… se no cor cazzo che me facevo paga du’ piotte in cambio che la faccia mia finiva su tutti ‘sti telefonini… ma sai, stavo ar bare e so venute de corpo quee due là, le ministre… ammappele quanto so’ bone… quella fija de quella famija Madia, che so tutti nobbili der Papa… e quell’artra toscana, la Boschi, che parla come Benigni e conosce tutti li banchieri… du’ belle fijole… e che ce poi di de no??

Certo, certo siamo tutti italiani, possiamo capire… ma ecco, lei che ha la rarissima attitudine di trovarsi bene con la burocrazia del nostro Paese e quindi è persona eccezionale… vorremmo il suo punto di vista riguardo ad alcuni eventi straordinari occorsi di recente nella politica. Che ne pensa del presidente del Senato, Grasso, che ha fatto il suo partito…

Te avviso, io poco so de politica, so’ semplice… a me damme le marche da bollo, i’ sportelli, i siti dove chiede er reddito de dignità (che poi se voleno a dignità come requisito, secondo me ‘sto reddito nun lo danno a nessuno…), i tabacchi dove posso pagà ‘e bollette e là è casa mia… comunque te vojo accontentà, fratè. Grasso… io me pensavo che era uno giovanile, acchittato, rivoluzzionario… avevo letto sur giornale, mentre facevo la coda a INPS p’annà dopo a ASL, che se sentiva un ‘ragazzo rosso’… già stavo a immagginà Che Guevara… e invece nej cojoni, poi ‘o vedo in tv… n’artro vecchio, n’artro che pare n’prete… dicono che sta co’ Bersani… e te credo.

Grazie, è stato molto chiaro. Ma Renzi che tiene ancora banco, dopo aver ribadito più volte che in caso di sconfitta al Referendum si sarebbe ritirato dalla politica…?

Aho, ce deve dà li sordi… li sordi… anzi, mica solo lui, anche Berlusconi… vonno li voti der centro moderato?? Li devono pagà!!! Basta le promesse, basta coi tweet… ce vonno li sordi, cor bonuss nun ce fai gnente, ce paghi er canone, ‘rtacci loro… (N.d.A. forse in seguito a questa intervista, Renzi ha deciso di cancellare il canone RAI, che l’anno scorso invece decantava come vitale e benefico). Poi, che se ritirano, nun se ritirano, ‘un ce ne frega. Certo, ce so li fregnoni, specie vecchi come Napolitano, che li voteranno aggratiss, pe’ fifa, speranno che lascino le penzioni e i posti ner pubblico… ma me pare che so’ pochi, nun è come na vorta… l’altra sera s’è morta ‘a sora Pina, quella si che votava e se faceva er segno da croce… p’a fede e p’a pensione de reversibbilità der marito maresciallo… che alla fine l’avevano fatto colonnello pe’ dagli er TFR milionario…. so’ sempre meno… er nipote, amico mio, mo’ se more de fame e quello te vota … come li chiamano … ah si … i populisti.

Ha perfettamente ragione. Una tradizione di autentico voto di scambio non può essere gettata via così, come nulla fosse, sostituita da vaghe promesse o tweet o cifre Istat… ma senta, ha saputo che la radicale Bonino per riuscire a candidarsi s’è ‘unita’ al cattolico Tabacci, quello del Centro Democratico??? Se vuoi votare radicale, a questo giro, devi mettere la croce sui democristiani… 

Fratè, che te devo dì… s’arrangeno, come famo noantri… ‘na vorta potevano fa’ ‘e sfumature, mostrasse diversi… oggi se ponno solo difenne dall’artri, quelli che veramente c’hanno li voti… perchè i Peppe d’Italia ce frega ‘ncazzo der testamento bbiologgico, si, come li sacchetti che mo’ dovemo pure pagà pe’ prenne i petonciani ar supermarket… e nun c’avemo ‘gnente da lascià… a noi ce frega che ‘un c’è na lira, anzi n’euro, ‘rtacci loro… e mica so tutti bravi come me co’ sta PA che invece de pagalla me faccio pagà… (ride) …

Potrebbe tornare al punto della domanda? Non mi faccia come un grillino qualsiasi o un renziano DOC…

certo certo… allora je do na dritta… se ricorda che Tabacci c’aveva la ganza Armellini che c’aveva millanta e millanta case… e nun pagava mai er fisco (ma che dico er fisco… quella nun pagava mai manco l’idraulico, così se dice a Roma)… allora ho fatto ‘na penzata: la Bonino c’ha i migranti, l’Armellini c’ha le case, Tabacci stava ner giro der gasolio e de l’Autostrade (N.d.A. Peppe allude grossolanamente all’umanitarismo radicale pro migranti, alla nota vicenda delle 1243 case ‘esentasse’ della Armellini, ex compagna di Tabacci, e al fatto che quest’ultimo era nel CDA di ENI e poi Presidente dell’autostrada CISA)…. allora, mettono i migranti nelle case de l’Armellini facendogli fa’ tutto il giro in autostrada coi busse a gasolio a buttà… e so tutti contenti…. so’ 30 euro al giorno pe’ fratello nero, aho…

E’ stato chiaro, naturalmente si tratta di una sua ipotesi complottista del tutto sprovvista di prove… ma secondo lei che accadrà poi alle urne? Piacerà il mix cattoradicale? Non è un po’ gesuitico? E i compagni di viaggio della Bonino e di Tabacci che faranno?

Me pare er giro de’Peppe, appunto (ride)… si, cioè, è ‘na maniera de da’ sta miseria de zero virgola ar PD che se sta a morì… l’avemo capito tutti… ma è proprio zero zero virgola… chissà poi dove li vanno a ‘mbucà, sti Tabacci e Bonino, per nun farli perde… seggi sicuri mi sa che li dovevano cercà dai Cinque Stelle – artri fregnoni, manco n’arbero der cazzo se sanno tenè, figurati a nazzzione de ladri debbosciati che siamo – o da Sarvini… (ride) … secondo me nun piace nè a quelli de uno nè a quelli de l’artra… a proposito, aho, poi m’hanno detto ar bare de Testaccio che Baccini… t’o ricordi Baccini, ma no er cantante… no… quello che ‘na vorta baciava le pile ‘nzieme a Tabacci (N.d.A. Mario Baccini, attualmente presidente di Microcredito)…erano come Farcao e Pruzzo, pe’ farte capì… Beh Baccini c’è rimasto tradito da sta storia della Bonino… e si vuole vendicà! Se sta a procurà n’ simbolo de partito da n’capogruppo (sapessi quanti ce ne stanno a Roma, come ar tempo de li pataccari de Totò… ) perchè c’ha già l’accordo co’ Cicciolina!! Artro che Tabacci-Bonino… Baccini-Cicciolina se li magnano, ahò… e poi ce lo dico, a Pannella Cicciolina ce piaceva morto morto de ppiù che Bonino, artro che… a Roma ‘o sapevamo tutti… nun me faccia parlà, Torre Argentina co’ Ilona era tutta n’artra cosa… e to’ fatto fa’ o’ scoop… (ride)

Baccini con Cicciolina sicuramente sarebbe la vera risposta alle esigenze politiche degli italiani, nel solco di tutto quanto stiamo vedendo non fa una grinza, anzi… è stato davvero gentilissimo a rivelarci tutto questo, la sua analisi è unica, come la sua persona… non la tratteniamo oltre… vorrebbe lasciarci qualche dichiarazione particolare, in cauda venenum?

Guardi, c’ho un cuggino che lavora a Taranto, all’ILVA…mi dice che nun se la compra nessuno e fra poco li cacciano tutti, che nun stanno a ‘ffa ‘ncazzo da anni e rischiano de fasse male ogni ggiorno, che nun c’è manutenzione… ma non lo ponno raccontà perchè li sindacati nun voleno… ah Emiglià (N.d.A. Michele Emiliano),  tu che sei er Governatore… li vuoi li voti d’a famija mia alle primarie der ciufolo, quanno Renzi se squaja dopo le elezzioni e tu te devi prenne ‘r partito (contento te)??? Beh, allora daje n’posto a Bari, ar cuggino mio Cataldo… dove te va, decidi te… sei stato bravo a piazzà i baresi a Taranto (N.d.A. effettivamente al Comune di Taranto ci son vari assessori baresi, incluso il vicesindaco), adesso piazza quarche tarantino a Bari… no? Se semo capiti, Emiglià… ce conto!

Le dichiarazioni di Peppe non necessariamente rispecchiano le idee dell’intervistatore. Che potrebbe averne di ben diverse. Ma forse non migliori. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...