Italia, nazione di santi, navigatori, poeti… e pezzi di merda.

Urs fischer

J’accuse.

Lottizzazione intellettuale/universitaria: breve storia.

I ‘nuovi significati’ dell’essere italiano, in contrapposizione all’essere inglese.

Fantozzi, che come tutti sanno ha una figlia, celiava sulla ‘Cupola’. Il destino cinico e baro di Valeria Fedeli.

Demeritocrazia e servilismo, chiavi di lettura del Paese.

Vivere prendendosi per il culo, la missione degli italioti.

Oswald Spengler, Dalì e Fischer in Piazza della Signoria: quel che ricacciamo nell’inconscio si materializza nella veglia.

Siamo ormai ‘Una cagata pazzesca’, figlia del pensiero – e forse dell’intestino – debole?

Monito per le anime belle: questo testo contiene turpiloquio e scatologia. Il sommo Dante insegnava come il registro linguistico debba essere adeguato al tema. Nell’Aldilà – se trattasi di Inferno – ci sta anche una sonora scorreggia (XXI canto), Figuratevi nell’ Aldiquà. 

Quando Emile Zolà scrisse il famoso ‘J’accuse’ contro l’ipocrita status quo francese dell’epoca egli non era nemmeno lontanamente consapevole del degrado che il mondo occidentale avrebbe subito nei secoli a venire. Di tale degrado l’italia rappresenta un increscioso apice, nella pretesa di conservare integralmente le peggiori consuetudini medievali e barocche, ricoperte da una patina sempre più sottile di modernità post illuminista e ‘capitalista’. Un popolo becero, assistito, riempito di cazzate dall’oligarchia arcigna che lo governa fa ormai da specchio all’elite intellettuale, selezionata in base a criteri nepostistici, clientelari, egoistici, meschini, al tempo stesso confluiti e tracimati in una sorta di ideologia dello squallore e della prostituzione che non ha eguale nel mondo sviluppato. E in realtà nemmeno nel mondo sottosviluppato, il quale spesso non ha i mezzi per rendere così sistematica e consolidata l’indecenza.  Continua a leggere

Annunci

La Corea del Nord ‘is begging for war’, yes. Ma quanta farina è del sacco cinese?

north-korea-war-phone-call-china-trump-donald-usa-kim-jong-un-

Per l’ambasciatrice americana all’ONU, Kim starebbe ‘mendicando una guerra’ dagli Stati Uniti.

I motivi che inducono a crederlo assai probabile. Le dichiarazioni illuminanti di Kim Jong – un.

Il vero obiettivo – dei cinesi e poi dei coreani – è l’amministrazione Trump e la sua politica.

Un violento scontro, commerciale e/o militare, è ai blocchi di partenza. Da Nagasaki a Tripoli, non c’è spazio per esercizi retorici.

 

Giorni fa una frase dell’ambasciatrice americana all’ONU, Nikki Haley (scelta da Trump ), ha destato grande scalpore:

Kim starebbe ‘mendicando una guerra’ dagli Stati Uniti, la cui ‘pazienza non è illimitata’. La risposta della Corea del Nord è stata furibonda – anche peggio del solito – giungendo a definire la Haley quale ‘prostituta che fa frusciare la sua gonna‘. Forse è stato toccato un nervo scoperto, le cui terminazioni abbiamo tentato di esaminare in dettaglio nel lungo post precedente, dedicato alla questione coreana, ripreso in bell’evidenza anche dalla carta stampata, grazie ad un articolo di Paolo Becchi su libero. Un’interessante inversione del rapporto usuale di citazione, fra media ufficiali e blog.

Continua a leggere

La zanzara, una compagna che sbaglia. Croce e martello, malaria nel cervello.

anofele claviger

Il ‘progressismo’ italiano, cattolico e comunista. Che ossimoro.

Parte una nuova crociata, questa volta contro epidemiologia ed entomologia.

La zanzara anofele, sedicente estinta (insetti estinti?).

La logica da centro di igiene mentale della ‘sinistra’ italiana.

Il mistero di Pulcinella, made in ISS. E siamo al ridicolo istituzionale.

La banale verità, storicamente accertata. Le migrazioni hanno SEMPRE portato con loro varie malattie.

Il progressismo italiano – quella specie di pastrocchio indistinto di globalizzazione, passione per le cause degli ultimi, visione statalista comunista dell’economia e della società, terzomondismo e new age, insomma pensiero debolissimo – è costituito essenzialmente dai sopravvissuti del Partito Comunista Italiano e della Democrazia Cristiana, il partito del Clero. Ovvero le forze politiche che più di tutte hanno condizionato l’Italia dal dopoguerra, rendendola quel paese arretrato, indebitato, senile e caotico, corrotto che conosciamo tutti. Non fosse che i media prendono lo stipendio proprio da loro, basterebbe questo a far risaltare l’assurdità dell’appellativo progressista, riferito a Bersani, Vendola, Gentiloni, Delrio, Poletti, Alfano e via discorrendo. Questo non significa ritenere progressiste nè progredite, in alcun modo, le forze avverse. Che però, se non altro, hanno la dignità di dichiararsi conservatrici. I Cinque Stelle, invece, non sono direttamente nulla, zero di zero, ma non possiamo occuparcene qui.  Continua a leggere

la Cina cala il suo asso: Kim di Corea. Ma Trump è di casa a Las Vegas…

kim-jong-un-playing-card

Kim Jong – Un, il (semi)nuovo spauracchio. Come è giunto là dove è.

Perchè fa più paura di Saddam e di Gheddafi. Gli ‘errori’ dei Clinton.

L’asse internazionale antiamericano.

Che vuole da noi, Kim? Cerchiamo la risposta, non scontata, fra i suoi amici, nemici e neutrali.

Il bandolo della Matassa. Il colosso d’argilla ha fifa di Trump?

Lo scenario bellico. Mors tua, vita mea. L’illusione positivista.

L’Occidente si ricompatta, ora l’analisi è completa: i finali possibili.

Kim Jong – Un è figlio d’arte, discendente di una genia di dittatori come solo l’oriente ha saputo regalare al mondo. Si trova ancora dove è a causa della seclusività assoluta della Corea del Nord, certo. Ma soprattutto per una concatenazione favorevole di dinamiche geopolitiche originatesi fra la decolonializzazione e la guerra fredda.

La geopolitica che partorì  Kim

Il celebre nonno è stato uno dei tanti arruolati nella ‘legione straniera’ dell’allora impero sovietico, adeguatamente ideologizzato e messo a capo di una forza locale comunista il cui scopo era impadronirsi della Corea, dopo la sconfitta giapponese. Come in ogni altro luogo del pianeta, la cosa riuscì a metà. Infatti gli USA reagirono, vi fu una guerra e la penisola coreana rimase da allora spaccata in due Stati distinti. La non belligeranza deriva da un armistizio firmato nel 1953, cui mai fece seguito il trattato di pace. Da allora, il piccolo stato è stato giocato da Russia e Cina l’una contro l’altra, insieme contro gli USA o contro il Giappone e via discorrendo. E’ interessante notare come anche stati arcinemici abbiano in realtà concorso alla sopravvivenza della dinastia. Per fare un esempio, Tokio, se da un lato ha subito dalla Corea del Nord ogni possibile atto terroristico – dai rapimenti e sequestri di suoi cittadini a missili ad un palmo dal naso… e quindi non possa non vedere in esso una grande minaccia – dall’altro non ha mai davvero spinto per la sua dissoluzione, perchè timoroso le seguisse la riunificazione delle due coree. Tale da creare uno stato molto più vasto, forte e storicamente avverso agli interessi del Sol Levante. Alla Corea del Sud, se vogliamo essere onesti, non è stato peraltro consentito di intraprendere davvero un percorso di riunione. USA e Giappone hanno tramato lungamente per impedirlo. La cosa è palese, se si considerano alcuni eventi elettorali e politici, anche tragici, della storia recente. Continua a leggere