PD, Primarie 2017: dall’urna elettorale a quella cineraria

xPartitoDefuntoInteresse azzerato per l’esito scontato di queste primarie: il quaquaraqua ed i suoi sfidanti platonici. Si, gli piace vincere facile.

Quando il giornalismo non serve a nulla: L’autoscoop colossale viaggiava su twitter, ma nessun media ve lo dirà.

Scatti che parlano da soli: quei ‘giovani’ votati dai vecchi.

Cronaca visiva di una morte annunciata: PD, Partito Defunto.

Il senso del PD per il migrante, il senso del migrante per il PD.

E buon Primo Maggio!

Post Scriptum, importante. 

Le primarie del PD si sono rivelate proprio come ce le si poteva immaginare. Scialbe figure contrapposte, due delle quali sprovviste di qualsiasi radicamento nazionale, anche solo nell’immaginario. E quindi fuori gara sin dall’inizio. Orlando ed Emiliano han fatto da sparring partner al Quaquaraqua (come e perché su questo sito lo si possa nominare solo in tal modo è giustificato apoditticamente nel post che qui trovate linkato). In specie il primo, perchè il Governatore della Puglia ha in realtà qualche velleità nazionale di sinistra ‘emotiva’, probabilmente intrecciata a quella di De Magistris, Civati, Vendola, Mussi… sino all’ambientalismo post comunista di Bonelli. Se qualcuno vuole cercarne le tracce più evidenti, segua la campagna elettorale della sventuratissima Taranto. Ma poco, pochissimo interessa, dicevamo. A chi? Ma agli italiani under 70… a breve potremo costatarlo. Il vincitore non c’è bisogno di farselo proclamare, è il Quaquaraquà. Si, gli piace vincere facile, come da bimbi quando la prozia ci faceva far manbassa ad asso pigliatutto. Poi arrivava il cuginetto più grande e non si prendeva una carta…

Quel che vedrete a seguire non lo troverete sui media, che sono lì per imbonire, non per documentare nè per riflettere… [pensate che nessuno si è mai chiesto, per anni, come dei nullatenenti migranti potessero pagarsi la sopravvivenza ed il viaggio, dal Ghana alle bagnarole degli scafisti, giungendo sino ad ipotizzare improbabilissime ‘vendite di organi’…  voi direte… ma perchè ci parla di migranti, che confusione… lo scoprirete alla fine del breve testo]. Eppure, proprio perchè non ripreso dai media, si presenta come verità cristallina. Quale migliore autore di uno scoop se non il soggetto – ignaro – che ne patisce le conseguenze?? E’ stato infatti proprio il PD, in buona, anzi buonissima fede, a fornirci tutti gli elementi per una scoperta decisiva: Il Quaquaraquà ha 42 anni; Il guardasigilli Orlando ne ha 48; Emiliano, il più ageè, ne ha 57. Bene, i loro elettori ne hanno oggi settanta e forse più.

emo pd

Candidati ‘giovani’ per elettori vecchi…

Gli scatti a seguire, provenienti da tutta Italia con l’intenzione innocua di documentare la realtà dei seggi, hanno mostrato nella stragrande maggioranza volti, capelli e corpi decisamente avanti negli anni, sino a vette anagrafiche inimmaginabili. ‘Giovani’ votati da vecchi (sapremo quanti, alfine… probabilmente intorno al milione, ma la cifra finale sarà assai ‘addomesticata’, anche perchè non  esiste un organo terzo certificatore), sempre nel filone già noto del ‘Fonzie dei pensionati’. Il PD appare per imago come un partito che ha poco da dire… e soprattutto poco da dare alle urne elettorali, prossimo come pare a quelle cinerarie. Non a caso avevamo già vestito il Presidente Mattarella da becchino del centrismo cattocomunista (il Mattarella blues pervade l’Italia…) ed il PD da partito cancellato dal popolo (La politica cancella il paese, il paese cancella la politica…). Ma passiamo ai fatti odierni, ovvero alle testimonianze dirette. Un bel campionario non manipolato che vi emozionerà e per cui dovete ringraziare, oltrechè l’intemerata Theleme, il bizzarro mondo di Twitter.

primarie pd 3

‘Avanti’, #incammino… verso la Gerusalemme Celeste

primarie pd

L’orologio sarà misterioso, l’età della platea per nulla…

primarie PD 21

Anche al Testaccio, non si scherza mica…

primarie pd 11

Anziani pugnaci a Bari. Ma sempre anziani.

Primarie PD 20

Basiglio, Milano. Pochi ma bianchi…

primarie PD 17

Si può concordare… no, il PD non è un partito per giovani…

primarie pd 12

e infatti ecco a Rho una vera colonna …

Primarie pd 2

A Trezzano un’altra colonna, nel seggio gremito…

primarie pd14

Torino, a proposito di seggi gremiti … e di quanto basti poco ad esser contenti, a questo Mondo

primarie pd 23

Finalmente un pò di gente… lodevole sforzo del fotografo nel cercare, fra tanta canizie, quel guizzo di vitalità.

Ma è tempo di passare alla comunicazione twitterina dei PD Doc, i ‘politici’, quelli che hanno ruoli nel partito o almeno immaginano di poterne avere nel futuro… ecco i seggi visti da loro (ahimè, danno il massimo ma non possono sfuggire alla legge del senex):

primarie pd 7

ecco alle spalle della sorridente Serracchiani apparire una torma di anziani…

primarie pD 25

Il ministro Bellanova nemmeno ci prova… Lecce, realtà al 100%

primarie PD25

L’augurio è soprattutto quello di godersi la pensione…

primarie pd 8

Ispirata, fra giovani scrutatori… ma l’antico pelo buca lo schermo, inesorabile, sopra il braccio

Primarie PD 16

non che gli scrutatori debban esser per forza giovani, anzi…

primarie PD 18

La notoriamente combattiva Livia Turco alle prese con un coetaneo votante…

primarie pd 10

No, nemmeno Rosato sa sfuggire alla regola del super attempato fan…

primarie pd 9

Niente da fare… persino un bel bokeh rivela inequivocabilmente l’anagrafe delle Primarie

Primarie PD 13

E quando qualche giovane c’è davvero, gli tocca almeno sdoppiarsi…

primarie pd 4

ma spesso non c’è nessuno e si guarda al futuro solitario…

Ora, al di là di quel che passeranno i media di regime – mantenuti da privati a loro volta mantenuti dalla politica, oppure direttamente da essa con le famose sovvenzioni – la situazione reale del Partito Democratico, per come mostrata dai suoi stessi votanti, simpatizzanti e rappresentanti, sembra essere quella di un movimento politico anagraficamente esangue e con prospettiva di cortissimo respiro. Già nel 2012 era evidente che il nucleo ‘forte’ degli elettori del PD era composto in media di sessantenni. Aggiungeteci i cinque anni intercorsi e siamo arrivati – statisticamente – alla soglia dei settanta. Evidente che nè il quaquaraquà nè i suoi coetanei dell’infornata post Monti son stati in grado di invertire la rotta, nel frattempo. Molto probabile, anzi, sia troppo tardi per farlo e che quindi il PD di mese in mese sia condannato a perdere per strada moltissimi ‘votanti’, che non vengono sostituiti dai loro discendenti. Non c’è quindi alcuna speranza, il PD è Partito Defunto? No, una speranza forse c’è… quella di modificare drasticamente la composizione demografica del paese, introducendo elementi eterogenei, più giovani, che possano sentirsi affini a quel partito per ragioni di utilità… certo non c’è il tempo di formare raffinate coscienze politiche. E visto che sono l’Abate di Theleme, costituzionalmente insensibile al politically correct, mi sovviene di pensare che questa ‘speranza’ possa esser rappresentata dai cosiddetti ‘migranti’: spacciare per ‘profughi’ milioni di persone che sono in cerca di miglior tenore di vita (senza sfuggire da alcuna guerra o persecuzione politica), consente di augurarsi di poter dar loro il diritto di voto, il prima possibile. E meno sono economicamente integrati meglio è, perchè chi potrebbero votare se non coloro i quali li han resi, da clandestini, cittadini di un Paese che non riesce nemmeno più a sostenere su standard occidentali molti dei suoi abitanti storici (pagatori di tasse da generazioni)? Ecco che, a rischio di un conflitto sociale senza precedenti, può esser si stia pensando di salvare così la barca, quasi affondata. Con lo jus soli, su cui, ad intervalli regolari, il PD stuzzica il parlamento ed il paese, per vedere dovesse riuscire a salvarsi in extremis. E tenete conto che ai cattocomunisti non servono solo votanti, ma urgono anche fedeli… vi lascio pertanto con una crudele suggestione.

E buon Primo Maggio!

primarie PD 24

P.S. Secondo ogni previsione, ha vinto il Quaquaraquà col 70% dei consensi. Riguardo al numero dei votanti rileviamo lanci assai contrastanti, che vanno dai quasi due milioni del totale raccontato dai TG alle fonti locali, numerosissime, assai negative. Per dare un’idea di getto, qui trovate Teramo, Prato, Como, Modena dimezzate rispetto al precedente più vicino. Ed una Manfredonia, ad esempio, ridotta ad 1/4 dei votanti. Del resto, unica fonte è il PD stesso. La cosa più interessante, ai fini di questo post, è però che nei TG ed in generale sui media si son visti ben pochi video o immagini o interviste dai seggi, che abitualmente corredano questo tipo di servizi … Ciò ci conferma dell’intuizione avuta, riguardo ad una votazione partecipata quasi integralmente da anziani. Quel che era comunicazione spontanea social dei sostenitori del Partito Democratico non ha retto al filtro occhiuto della stampa e televisione di regime. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...