Terza e (speriamo) ultima puntata del “giallo” Giardiello. “Lo stratagemma funziona”, eccome

Torniamo in tribunale, i media (e non solo) insistono coi “gialli”.

Giardiello, l’agente immobiliare che ne sapeva più di James Bond.

Italia Italia delle mie brame, chi è il più fariseo del reame?

giornale giardielloAlla drammatica storia di Giardiello, l’immobiliarista di Arcore protagonista della sparatoria nel tribunale di Milano, abbiamo dedicato ben 2 post. Non incentrati sulla vicenda umana e giudiziaria, in cui si era trovato come parte avversa persino il suo avvocato e un magistrato, ambedue periti sotto i colpi di pistola. Ma soprattutto sul modo in cui i media italiani presentavano il fatto – oggettivo – del Giardiello che aveva introdotto un’arma carica dentro le aule, all’apparenza senza alcun problema.

Una serie di bizzarie, iniziata col collegare quegli omicidi a ben altro caso giudiziario, relativo ad Eutelia-Agile. E proseguita diffondendo – di certo imbeccati – una serie di illazioni in base a cui l’immobiliarista avrebbe approfittato di “tesserini falsi da avvocato” o di accessi secondari o di chissà quale misteriosa diavoleria. Trovate ogni dettaglio su

Sparatoria in tribunale: o la realtà s’accorda alla notizia o non è realtà

e

La caccia al “tesserino fantasma” … prosegue la tragicommedia dei media di regime

La boiata - capolavoro del Sole24ore

La boiata – capolavoro del Sole24ore

Riassumendo, una montagna di fole montate ad arte (nessuna dichiarazione o fatto autorizzava tali supposizioni, anzi il contrario – fonti dirette nei post precedenti) allo scopo di dribblare un’evidente verità, valida in ogni tribunale italiano. Cioè che i metal detector non ci sono o se ci sono non funzionano. Perché le ditte esterne, che li hanno in appalto dai presidenti dei Tribunali (nel caso milanese, la medesima ditta che si occupa della sicurezza all’EXPO), non fanno quel che devono, oppure non ci son denari oppure le apparecchiature sono obsolete… insomma la solita storia della solita Italia, sospesa eternamente fra corruzione, voto di scambio o semplice inettitudine e penosa inefficienza.

Avevamo lasciato i nostri inquirenti alle prese con la caccia al tesserino inesistente… e purtroppo tale è rimasto, come era evidente dalle prime ore. Oggi, improvvisamente la vicenda torna alla ribalta della cronaca, da morta e sepolta che era… ma per cosa, per rassicurarci della sorte dei sopravvissuti, della ritrovata efficienza del tribunale o comunicarci la giusta pena inflitta al Giardiello?

Nossignore… per farci sapere (come se da questa notizia dipendesse la nostra vita…) che il Giardiello non aveva usato alcun tesserino falso e nemmeno un accesso laterale per introdurre la sua pistola, nossignore. Ma tuttavia gli addetti al controllo ed il metal detector non sono imputabili né di lassismo né di malfunzionamento (caso quasi unico in Italia, vedi post pregressi). L’uovo di Colombo insomma. I più arditi fra voi, quelli che hanno l’assurda pretesa che 2 + 2 faccia 4, a questo punto saranno stupiti… cosa è successo allora? Perché il metal detector non ha suonato e nessuno ha controllato?

Nientepopodimeno il diabolico Giardiello

aveva nascosto la pistola in una borsa sotto un computer portatile da Repubblica

La letteratura specialistica, a dir la verità, non conosce un simile artifizio. Sarà forse per questo che nel TG delle 13.30 di LA7 il servizio dedicato rassicurava che “si sono già fatte tutte le prove” atte a dimostrare tale possibilità. Confermata sin dai titoli su “la Repubblica”. Come escludere allora che la tecnica esista davvero e sia nota ai migliori agenti segreti del mondo? In tal caso quel che abbiamo letto sarebbe invero preoccupante, sotto almeno 3 profili:

  1. se basta nascondere un UZI sotto un pc, passando sotto qualsiasi detector, siamo apposto
  2. da oggi l’abbiamo fatto sapere ad ogni integralista islamico e rapinatore presente sul suolo nazionale
  3. Giardiello o è come James Bond oppure ne conosceva uno

Ma a Theleme siamo sereni: La nazione è stata rassicurata dell’efficienza dei suoi sistemi di sorveglianza (pur sapendoli inesistenti nel loro quotidiano, agli italiani basta sempre un piccolo appiglio per un grande autoinganno); la ditta di sicurezza e quei padri di famiglia dei suoi dipendenti continueranno a lavorare nel pubblico; fors’anche Giardiello verrà trattato con la speciale magnanimità che il cuore grande della penisola tradizionalmente possiede.

Parole sante: “lo stratagemma funziona“, eccome se funziona. Tutto sta a capire quale si intendeva e che funzionamento abbia avuto.

milano stratagemma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...